Imposta di soggiorno - Comune di CamerotaImposta di soggiorno
Referente: Servizio Finanziario - tributi
Responsabile:

 


 
Cos'è e dove si paga
L'imposta di soggiorno è stata adottata dal Comune di Camerota nell’ambito della potestà regolamentare prevista dall’art. 52 del D.Lgs. 446 del15.12.1997 per disciplinare l’applicazione dell’imposta di soggiorno di cui all’art. 4 del Decreto Legislativo 23/2011. L’applicazione dell’imposta è applicata dal 1 Giugno al 31 Agosto (compresi) di ogni anno. L’imposta è corrisposta per un solo pernottamento, per singolo ospite, nelle strutture ricettive ubicate nel territorio del Comune di Camerota.


 

Chi è soggetto all'imposta?
L’imposta è dovuta dai soggetti, non residenti nel Comune di Camerota, che pernottano nelle strutture ricettive di
cui al precedente. Il soggetto responsabile della riscossione è il gestore della struttura ricettiva presso la quale sono ospitati coloro che sono tenuti al pagamento dell’imposta.


 

Quanto si paga?
L’imposta è corrisposta per un solo pernottamento, per singolo ospite, per qualsiasi tipologia di struttura ricettiva ubicata nel territorio del Comune di Camerota. La misura dell'imposta è suddivisa per: categoria e mese di applicazione.

Categoria Imposta a persona/soggiorno per i mesi di Giugno/Luglio € Imposta a persona/soggiorno per il mese di Agosto €

Agriturismo L.R. 15/08

1,5

3,0

Villaggi turistici e campeggi L.R.  13/93

1,5

3,0

Affittacamere, residence country house, L.R. 17/01

1,5

3,0

Case ed appartamenti per vacanze ad uso turistico gestiti in forma imprenditoriale L.R 17/01

2,0

 

4,0

 

Bed & breakfast L.R. 5/01

1,0

2,0

Alberghi diffusi L.R 17/01

1,0

2,0

Alberghi, pensioni  e residence turistico-alberghiere L.R. 15/84

1,5

3,0

Case ed appartamenti per vacanze ad uso turistico gestiti in forma non imprenditoriale L.R 17/01

2,0

4,0

 

Esenzioni dal pagamento dell'imposta:
Sono esenti dal pagamento dell’imposta di soggiorno:

  1. i minori fino al compimento del decimo anno di età;
  2. gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggi e turismo;
  3. soggetti portatori di handicap;

 

Obblighi dei gestori
I gestori delle strutture ricettive sono tenuti a:

  1. adottare il software di gestione dell’imposta di soggiorno così come predisposto dal Comune di Camerota;
  2. informare, in appositi spazi, i propri ospiti dell'applicazione, dell'entità e delle esenzioni dell'imposta di soggiorno;
  3. riscuotere l'imposta, rilasciando una semplice ricevuta nominativa al cliente (mantenendo la copia come di regola) oppure inserire il relativo importo in fattura indicandolo come "operazione fuori campo I.V.A.";
  4. dichiarare all'ente, entro le 24 ore successive, tutti gli ospiti in ingresso presso la propria struttura

La dichiarazione, va trasmessa entro e non oltre le 24 ore dall' ingresso degli ospiti presso la struttura, secondo le modalità previste dal software di gestione dell’imposta di soggiorno. Per accedere ed utilizzare il servizio è necessario scaricare e compilare integralmente il modulo sottostante.

Il modello deve essere compilato integralmente, firmato, protocollato e consegnato presso l'ufficio finanziario del Comune di Camerota. In alternativa può essere inviato tramite posta elettronica all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

N.B. Gli operatori già registrati nel 2014 possono utilizzare le stesse credenziali di accesso anche per il 2015 e quindi non necessitano di nuova registrazione.

Il gestore della struttura ricettiva effettua il versamento alla Tesoreria del Comune di Camerota delle somme riscosse a titolo di imposta di soggiorno, entro il 10 del mese successivo (10 Luglio, 10 Agosto, 10 Settembre), mediante bollettino postale o bonifico bancario. Per importi inferiori a € 20,00 (ventieuro) il versamento potrà essere effettuato in un'unica soluzione entro il 10 Settembre di ogni anno, fermo restando che le dichiarazioni devono essere comunque effettuate entro e non oltre le 24 ore successive dall'ingresso degli ospiti presso la struttura ricettiva stessa.

I versamenti devono essere effettuati tramite:

bollettino postale sul conto corrente postale n° 18952846  oppure in alternativa tramite
bonifico bancario IBAN IT 90 G 01030 76470 000000375014

Entrambe  le  soluzioni  vanno  intestate  alla  “Tesoreria  del  Comune  di  Camerota”,  inoltre deve essere sempre specificata la causale relativa alle dichiarazioni. La causale è il numero di dichiarazione (N. PROT) rilasciata dal sistema per tutte le dichiarazioni relative al mese di applicazione.


 

Controllo e accertamento imposta
Il Comune effettua il controllo dell’applicazione e del versamento dell’imposta di soggiorno, nonché della presentazione delle dichiarazioni. Il controllo è effettuato utilizzando i vari strumenti previsti dalla normativa per il recupero dell’evasione ed elusione. I gestori delle strutture ricettive sono tenuti ad esibire e rilasciare atti e documenti comprovanti le dichiarazioni rese, l’imposta applicata ed i versamenti effettuati al Comune e sono responsabili di eventuali dichiarazioni mendaci. Ai fini dell’attività di accertamento dell’imposta di soggiorno si applicano le disposizioni di cui all’art. 1, commi 161 e 162, della legge 27 Dicembre 2006, n. 296.


 
Sanzioni
Le violazioni sono punite con le sanzioni amministrative irrogate sulla base dei principi generali dettati, in materia di sanzioni tributarie, dai Decreti Legislativi 18 dicembre 1997, n. 471, n.472 e n. 473. Per l’omesso, ritardato o parziale versamento dell’ imposta, si applica la sanzione amministrativa pari al trenta per cento dell'importo non versato, ai sensi dell’articolo 13 del Decreto Legislativo n. 471 del 1997. Al procedimento di irrogazione della sanzione di cui al presente comma si applicano, altresì, le disposizioni previste dall’articolo 16 del Decreto Legislativo n. 472 del 1997. Per l’omessa, incompleta o infedele dichiarazione, di cui all’art. 7, comma 2, da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro, ai sensi dell’articolo 7 bis del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Al procedimento di irrogazione della sanzione di cui al presente comma si applicano le disposizioni della Legge 24 novembre 1981, n. 689 


 

Informazioni Possono essere richieste tramite
Sportello informativo per la tassa di soggiorno: Lunedì-Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 14.00
Tel: 0974 / 9202302
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Allegati